Sono anni che portiamo avanti le ricerche sull’aeroporto degli Alleati a Milano Marittima, abbiamo sempre saputo l’ubicazione per via dei reperti ritrovati e delle testimonianze, ma nonostante tutto non eravamo mai riusciti ad identificare con certezza nessuno dei luoghi che si vedevano nelle foto, vuoi perché sono passati 70 anni e tante cose sono cambiate, vuoi perché effettivamente nelle foto si vedono solamente poche case antiche, tanti pini e alcune collinette. Oggi, finalmente, dopo l’ennesima ricerca siamo riusciti a localizzare un edificio. Nella foto qui sotto, scattata a Milano Marittima nel 1945, si vede la coda danneggiata di un Curtiss Kittyhawk del 450° Squadron RAAF, l’edificio a destra dell’aereo è l’angolo sud ovest della Colonia Varese.

Colonia Varese: parte dell’aeroporto di Milano Marittima

Gli edifici delle due foto combaciano perfettamente: la forma del terrazzo e del tetto, la posizione delle finestre e addirittura l’albero segnato dalla freccia che nel riquadro è 6 anni più giovane perché la foto è del 39, anno in cui la Varese venne completata.

Colonia Varese: parte dell’aeroporto di Milano Marittima
Il punto dov’è stata scattata la foto nel 1945 è indicato con la freccia

Una volta appurato che il piazzale della Varese fu usato come rimessa per gli aerei del 450° Squadron RAAF, rimaneva il dubbio di come questi raggiungessero la pista d’atterraggio che si trovava a monte del Viale Matteotti e quindi al di la del muro di confine della colonia. E’ bastato andare sul posto e osservare le foto d’epoca per notare che i muri laterali che si affacciano sulla Diciannovesima e Ventunesima traversa, non solo non sono presenti oggi, ma non sono mai stati costruiti, quindi gli aerei che dal piazzale raggiungevano la pista passavano in queste due traverse, oltrepassavano il Viale Matteotti e arrivavano all’ingresso della pista.

Colonia Varese: parte dell’aeroporto di Milano Marittima

Testo e grafiche di Thomas Venturi

Colonia Varese: parte dell’aeroporto di Milano Marittima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *