In questo articolo vi porteremo in esclusiva all’interno del grande bunker tedesco ancora presente davanti all’Hotel Viamare a Cervia. Questo bunker, come tutti gli altri presenti tra Cervia e Lido di Savio, venne costruito dalla Organizzazione TODT. Entreremo dentro ad un tipico modello di bunker dal nome Regelbau 668 che poteva contenere fino a sei soldati e che aveva al suo interno tutto l’occorrente per la vita quotidiana. Purtroppo la postazione della mitragliatrice non è visitabile perché è stato murato l’ingresso al corridoio che porta alla sezione, ma quanto rimane del resto della struttura è in perfette condizioni.

Dentro al bunker di Cervia
L’ingresso del bunker nel 2014 dopo la pulizia eseguita dal Comune in seguito alla nostra richiesta. La parte più bassa a sinistra è il corridoio che porta alla postazione con la mitragliatrice che però è stata murata.

 

Dentro al bunker di Cervia
La didascalia delle prossime foto sarà seguita da una lettera per orientarvi nella mappa

 

Dentro al bunker di Cervia
(A) La trave nel muro d’ingresso ha incisa una scritta in gotico che sembra riportare il nome Erica Clas, questo è probabilmente il nome che i soldati diedero al bunker

 

Dentro al bunker di Cervia
(B) I bunker venivano costruiti in loco come prefabbricati, ognuno di essi derivava da un determinato modello a seconda del bisogno. In questo caso il modello è il 668 R dove la R che ormai non si legge quasi più è l’abbreviazione di Regelbau. Questa scritta è presente in due travi

 

Dentro al bunker di Cervia
(A) L’ingresso con le scale che portano dentro al bunker. Gli incassi sulla sinistra erano quelli del telefono e della luce per l’illuminazione dell’entrata

 

Dentro al bunker di Cervia
(B) Incasso per l’apparecchiatura radio

 

Dentro al bunker di Cervia
(B) I legni venivano inseriti nel cemento per attaccarci con i chiodi determinati oggetti

 

Dentro al bunker di Cervia
(B) Incasso per l’impianto radio, l’antenna telescopica decorreva fin sopra al tetto del bunker. Sono ancora presenti nell’intonaco alcuni numeri identificativi

 

Dentro al bunker di Cervia
(B) Tubo per l’aerazione

 

Dentro al bunker di Cervia
(B) Una pigna finita nell’impasto del cemento del soffitto

 

Dentro al bunker di Cervia
(D) La zona del bagno chimico, a destra c’era il water

 

Dentro al bunker di Cervia
(E) L’ingresso della stanza principale del bunker, a sinistra i tubi dell’aerazione e alcune travi che sorreggevano le brande

 

Dentro al bunker di Cervia
(E) La stanza principale del bunker che poteva contenere fino a sei soldati. In questa stanza siamo a prova di bomba, protetti dal metro e mezzo di cemento armato dei muri e del tetto. Le strisce verticali sono assi di legno sulle quali venivano inchiodati (vedi a destra) i supporti delle brande

 

Dentro al bunker di Cervia
(E) In questa foto possiamo vedere l’uscita d’emergenza del bunker. Era costruita in modo da poter essere aperta solo dall’interno in caso di fuga

 

Dentro al bunker di Cervia
(E) Questo murales è autentico della II Guerra Mondiale ed è rimasto pressoché intatto in questi 70 anni. A sinistra è presente un gatto che fa la gobba e a destra un cane che gli abbaia contro

 

Dentro al bunker di Cervia
(E) E’ una frase del poeta tedesco Schiller che nell’originale parla di un leone e una tigre mentre i militari tedeschi cambiarono questi due animali con un cane e un gatto e la traduzione è la seguente “È pericoloso svegliare il gatto, il dente del cane è fatale, ma la cosa più spaventosa di tutte è l’uomo nella sua follia”.

 

Dentro al bunker di Cervia
(E) Ingrandimento della corona disegnata nel murales. Notate come siano ancora ben visibili sulla destra i segni della matita

 

Dentro al bunker di Cervia
Scritte straniere ritrovate nell’intonaco, potrebbero essere dei soldati inglesi che hanno liberato Cervia

 

Dentro al bunker di Cervia
Seconda scritta trovata dentro al bunker
Dentro al bunker di Cervia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *