Il 16 agosto 1966 alle ore 16.00, su Cervia e Milano Marittima si abbatté una tromba d’aria di incredibile intensità che provocò enormi danni soprattutto nella zona del porto di Cervia.

La tromba d'aria del 1966
Il ristorante Al Gabbiano prima che venisse spazzato via dalla tromba d’aria

Rimesso a nuovo da poco tempo, il ristorante Al Gabbiano è volato via fortunatamente senza fare vittime in quanto i proprietari e i lavoranti si rifugiarono sotto a quel che rimaneva del pavimento in cemento salvandosi così dalla pioggia di detriti che ricaddero dopo il passaggio della tromba d’aria. I danni furono ingentissimi in quanto quasi tutti i motoscafi della darsena finirono sul lungomare, la parte a mare del ristorante Kalumet scomparve, il barchetto di paron Francesco, il Vincere, dopo aver rotto gli ormeggi affondò nell’entrata della darsena, un altro capanno da pesca, sempre dello stesso proprietario del Gabbiano, posizionato in cima al molo di levante scomparve tra i flutti come l’altro che aveva alla foce del Savio.

La tromba d'aria del 1966
Il Kalumet a sinistra e il ristorante Al Gabbiano a destra durante una mareggiata. Notare la scritta a bordo del canale “coast to coast Pola”, infatti è da qui che partivano le imbarcazioni che arrivavano in Croazia. Foto Collezione Lastrucci

Il condominio “Panfilo”, posizionato alla fine del lungomare, seminò, senza fare feriti, tutte le tegole del tetto. Due o tre platani del viale Dei Mille si abbatterono sulle case prospicienti. Mio zio, addetto alle idrovore del “Vallone” in salina, continuò per una settimana a raccogliere ombrelloni e lettini volati via dalla spiaggia. Credo che basti ma certamente la lista dei danni si potrebbe allungare.

Nino Giunchi

La tromba d’aria del 1966

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *