palanti voleva volare
Giuseppe Palanti

Siamo nel 2016 e sono passati 100 anni esatti dal 1916, per l’Italia è il secondo anno di guerra. In quell’anno il fondatore di Milano Marittima Giuseppe Palanti, chiese di poter partecipare al conflitto in qualità di Ufficiale del Genio, precisamente nel Battaglione Aviatori. Ma fu rifiutato e destinato ad altro. L’eclettico artista non si diede per vinto ed entrò a far parte come tesserato della Società Aeronautica Italiana. Per essa disegnò anche un cliché, un modello di diploma da consegnare ai benemeriti. Va sempre ricordato che quelli erano ancora anni in cui il Futurismo aveva una grande presa e Palanti, sempre up to date e convinto nazionalista, era in linea con questa “vision”. Andando a riguardare con occhio critico, cioè attento, il progetto di Palanti per la sua amata Milano Marittima, si vede che l’artista su molte cose era veramente all’avanguardia. Se quel progetto avesse trovato completa realizzazione, Milano Marittima avrebbe goduto con largo anticipo una situazione che altre realtà, anche molto più importanti, hanno realizzato tempo dopo! L’ho scritto molte volte: è la maledizione di Milano Marittima, quella di aver visto solo su carta molti progetti che l’avrebbero resa davvero grande sotto molti aspetti, da Palanti, al progetto Vietti-Violi, a quello di Bordone voluto da padre Geremia, compresi i progetti che dovevano svilupparsi ma che furono dirottati altrove con mille scuse e motivi, com’è stato per il maneggio Le Siepi e tralasciando il capitolo Woodpecker. L’esempio è presto fatto, bisogna tornare alla passione per gli aerei di Palanti e dei suoi contemporanei. L’Idroscalo di Milano fu realizzato nel 1927. Palanti già nella sua prima planimetria di Milano Marittima di quindici anni prima, prevede un Aerodromo che, all’incirca, oggi corrisponderebbe a Piazzale Napoli alla Terza Traversa! Un qualcosa di futuristico ma in fin dei conti molto utile dal punto di vista turistico e dei collegamenti, molto più di certe idee assurde di chi oggi se ne esce con l’idea di far fuori mezza pineta per crearvi campi d’atterraggio per fantomatici turisti miliardari (russi o arabi) dotati di aerei ed elicotteri personali! Quando molti nostri storici e giornalisti locali scrivono della Città Giardino di Palanti, non sanno bene di cosa scrivono, perché pensano solo ai giardini, al verde, e non si rendono conto che la città di Palanti è una città a 360 gradi completa di tutto, anche di un aeroporto, per usare un termine moderno. Milano Marittima è stato il luogo di vacanza di uno dei più celebri aviatori di tutti i tempi, Italo Balbo, la cui famiglia continuò, perlomeno fino agli anni ’80, a tornare a Milano Marittima anche dopo che non avevano più la villa. Ero piccolo ma ho qualche ricordo in proposito.

Firmato

Il Conte che non conta

Palanti voleva volare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *