In questi ultimi due giorni sono stati avvistati alcuni trigoni nel ravennate. Conosciuti anche con il nome di pastinache, sono subito riconoscibili per la tipica forma piatta e romboidale del corpo. I trigoni, così come lo squalo azzurro e lo squalo elefante, sono comuni nell’Adratico, in particolare nei mesi di Giugno e Luglio, quando si avvicinano a riva per far nascere i loro piccoli.

Avvistati alcuni trigoni nel ravennate
Foto di Michele Cavallari scattata a Cesenatico

La forma affascinante e il modo aggraziato che hanno di nuotare non deve trarre in inganno, possono infatti essere molto pericolosi per via dell’aculeo velenoso che hanno in fondo alla coda.

Avvistati alcuni trigoni nel ravennate
Foto di Elena De Lorenzi a Marina di Ravenna

Tutta la pelle del trigone è ruvida perché presenta dentelli dermici, quindi non afferratelo senza adeguate protezioni, anche perché potrebbe rivoltarsi e pungervi mandandovi direttamente in ospedale.

Avvistati alcuni trigoni nel ravennate
Foto di Carmela De Nisco a Punta Marina

Se viene avvistato vicino a riva, vi consigliamo di allontanarvi e lasciare che compia le sue attività: appena terminate ritornerà a largo.

In questo video, girato dalla Fondazione Cetacea al Bagno Pietro 37 di Viserba nel 2016, si vede un trigone che partorisce un piccolo vicino alla spiaggia.

Avvistati alcuni trigoni nel ravennate
Tag:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: