cosa succede a cervia oggi

Teatro di Cervia intitolato a Walter Chiari

Il Teatro di Cervia intitolato a Walter Chiari: sabato 20 ottobre l’intitolazione ufficiale.

Il Teatro di Cervia intitolato a Walter Chiari: lo ha deciso a gennaio 2018 la cittadinanza cervese con un sondaggio dell’Amministrazione Comunale.

Walter Chiari è il nome di spicco che ha ottenuto più preferenze nonostante non sia un “cervese doc”. Sabato 20 ottobre 2018 si terrà l’intitolazione ufficiale con l’apposizione di una targa che spiega anche le motivazione che stanno dietro la scelta dei cervesi.

Chiari, noto attore e comico italiano morto nel 1991, vantava un legame particolare con la nostra città: grande amico di Bruno – Zimbo – Guidazzi, considerava Cervia la sua seconda casa. Proprio a Walter Chiari è dedicata la kermesse comica “Il Sarchiapone” che la Famiglia Guidazzi organizza e gestisce con passione da 27 edizioni.

teatro di cervia intitolato a walter chiari

Il 20 ottobre davanti a tutta la cittadinanza e alla presenza del nostro sindaco, Luca Coffari, l’intitolazione e l’apposizione della targa ufficiale che recita ” Attore, comico e conduttore televisivo italiano. Per l’alto valore e genio artistico e per il suo profondo e duraturo legame con Cervia. Il suo amore per la nostra città, dove era stimato e amato, diventando seconda dimora, grazie anche all’amicizia con “Zimbo” Bruno Guidazzi, Cervia ricorda e ricambia con grande affetto e riconoscenza”.”

Tra i suoi innumerevoli lavori ricordiamo anche il film “Romance” del 1986 diretto da Massimo Mazzocco ambientato, in parte, anche nella nostra Cervia.

Vuoi conoscere la storia del Teatro Comunale di Cervia?

L’ufficio turistico del Comune di Cervia consente visite a pagamento (€ 5 dai 10 anni in su) e su prenotazione per gruppi da 15 persone.

Contatti:

Per finire, vi riportiamo due articoli del nostro Conte che aveva espresso la sua opinione circa l’intitolazione del Teatro Comunale:
E voi cosa ne pensate? Dite la vostra nei commenti!

Vittorio Sgarbi compra il Cervia

Vittorio Sgarbi compra il Cervia: praticamente negli ambienti sportivi cervesi non si parla d’altro. Ma sarà vero? Questo è quello che abbiamo scoperto noi!

Vittorio Sgarbi compra il Cervia: verità o provocazione? Non si fa che parlare di questo negli ambienti sportivi cervesi e lui, il critico d’arte più irriverente d’Italia, lascia più che una porta aperta. Riuscirà a fare gol?

Sono giorni che la notizia rimbalza dai social alle testate giornalistiche sportive e il Cervia sembra aver trovato un nuovo acquirente che, con il mondo del calcio, non sembra avere molto in comune.

Vittorio Sgarbi, volto irriverente della televisione italiana e grande critico d’arte, classe ’52 e ferrarese di nascita lancia dalla sua pagina facebook l’annuncio choc: voglio comprare il Cervia e lo chiamerò Milan Marittima.

Una sfida al suo amato Silvio Berlusconi, una provocazione o che altro? La società sportiva sembra confermare un primo scambio di intenti con Vittorio Sgarbi ma da qui all’acquisto della squadra il passo è ancora lungo.

Anche il nostro Sindaco, Luca Coffari, è cauto e nel commentare la proposta non può fare altro che basarsi su fatti concreti: “grazie, siamo molto onorati che un personaggio di spicco italiano si interessi a noi ma aspettiamo gli sviluppi ribadendo che lo stadio è del Comune e lo concede alla squadra tramite una convenzione”.

La squadra del Cervia, per chi se lo fosse dimenticato, era già saltata sulle patinate copertine per il reality “Campioni“: un’avventura che in due anni è nata e finita.. neanche il tempo di un gol praticamente.

Sgarbi compra il Cervia

Aveva fatto parlare molto di se questo reality: calciatori che forse ambivano più al salotto di Uomini e Donne (e qualcuno c’è poi arrivato, vedi Sossio Aruta o Alfieri..) e un ragazzo d’oro di Napoli che con il padre condivideva solo il cognome (ma non il pibe).

E ora? Ci ritroveremo allo Stadio dei Pini a tifare il Cervia o il Milan Marittima?

E voi cosa ne pensate? Dite la vostra nei commenti!

LEGGI ANCHE: Sgarbi sempre più vicino al Cervia “Chiamerò i miei giocatori capre!”