Mi.Ma e Shiro, i ragazzi della pallavolo

hotel casa major
Mi.Ma e Shiro, i ragazzi della pallavolo

Davide Mazzanti e Serena Ortolani

Il giorno 28 Maggio 2016, Davide Mazzanti e Serena Ortolani si sono sposati. Stranamente di questi due veri vip del volley, che da tempo hanno scelto Cervia per vivere, i giornali locali non parlano mai! Sempre più attenti ad attribuire cittadinanze, addirittura onorarie, ad altra gente. C’è chi si ricorda d’aver ottenuto di poter giocare a pallavolo al riparo dai rigidissimi inverni di Milano Marittima all’interno dell’oratorio della chiesa Stella Maris dall’altrettanto rigidissimo padre Geremia. Per molti anni qui la pallavolo fu considerata sport femminile, ed i pochissimi maschi che vi si dedicavano venivano visti come quelli che facevano danza (coi corsi delle Orsoline), difatti ci si allenava nelle palestre delle Ressi o Gervasi con le ragazze. Se il cartone animato “Mimì e le ragazze della pallavolo” (2 serie) presentava infatti questo sport da un lato tutto al femminile, ci fu uno sdoganamento con quello “Mila e Shiro” che offriva l’alternativa maschile. Dal punto di vista maschine ha aiutato molto il successo del Beach Volley, di moda a Cervia col Bagno Fantini. A metà anni ’80 si riuscì a creare un’effimera squadra di giovani pallavolisti, praticamente un “Milano Marittima Volley” grazie a Paolo Dosi e Bruno Villa, con la sponsorizzazione della Cassa di risparmio di Cesena (maglie celesti e numeri bianchi). Dosi aveva la ferramenta in Viale dei Pini e una parte dell’ESP di Ravenna; Villa aveva la Pensione “Lucciola” accanto al Bar Riviera. I primi allenatori furono Isidoro Ensini e Paolo Pascucci, poi subentrò il fratello Stefano Pascucci, star del Fantini. Addirittura ci fu una nuova palestra a disposizione in Via Jelenia Gora, fra il Circolo Tennis e il Golf Club. Il nucleo era formato da quelli che giocavano da tempo, cioè i gemelli Alex e Manuel Dosi, il primo capitano e il secondo martello; Ottavio Ausiello-Mazzi (martello), Marco Montanari ed un bravissimo cervese di nome Mattia di cui non ricordo il cognome. Poi si erano uniti vari amici dei gemelli come Marco Malusi, Gianluca Ricci, Marco Soprani ed infine altri due cervesi, Andrea Tamburini e Daniele Candoli. I gemelli Alex e Manuel che abitavano alla 27a Traversa, avevano per nonno Luigi Montemaggi (carissima persona), lo storico custode dell’albergo Touring di Milano Marittima. Marco Montanari della 2a Traversa ha gestito per anni con la moglie Daniela Cortesi l’hotel Suisse della 4a Traversa. I genitori di Gianluca Ricci avevano in Viale Gramsci la boutique “Big Ben” e lo “Scarparo” era suo zio. Marco Malusi era della nota famiglia dei bagnini. Candoli era parente di Nello che aveva il negozio di biciclette in Viale Milano e di Ivan che aveva i bar alla 7a e 8a Traversa. Marina, la madre di Soprani, aveva un negozio accanto al Bar Cristallino. Tamburini invece é di vecchia famiglia di salinari cervesi.

Il Conte che non conta