Riviera d'arte
Il Conte e Alessandra Mussolini

Venerdì 8 Luglio 2016, Hotel Palace di Milano Marittima, vado alla conferenza stampa della mostra dei quadri di Alessandra Mussolini. Un’atmosfera salottiera intima dove la “nipote” si concede spiegando la sua vena artistica e come realizza le tele. Appena vedo i suoi quadri mi viene in mente Klimt. Pacata e piacevolissima, molto distante dalla battagliera immagine mediatica, disponibile con tutti, tanto che il selfie con me lo fa lei! E’ sorpresa quando le dico che nel 1233 il suo avo Accorridore Mussolini aveva delle terre vicino al mio avo Ugone Mazzi e che i nostri padri musicisti si conoscevano, fu proprio Romano Mussolini che soprannominò mio padre “il conte della batteria” unendo il titolo di nascita alla bravura. Infine le ho raccontato quando suo nonno regalò la terra per costruire la chiesa dei frati Francescani (attuale Stella Maris) e lo Stadio Germando Todoli con una donazione di 75.000 Lire.

Riviera d'arte

Dopo Morigi 100 ancora paralleli e vi porto al Bar Riviera, il più vecchio di Milano Marittima e sempre gestito dalla stessa famiglia Giorgi. Al Riviera il servizio è impeccabile e simpatico ed è un salotto decentrato per le vecchie famiglie “in”. Da sempre ci vedo un quadro che mi richiama quelli del famoso Hans Hartung ma che invece è di Giorgio Lenzi, architetto che ha fatto tanta Milano Marittima e lo stabile sorto sulla villa Biondini, fattore della Ragazzena.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Conte che non conta

Riviera d’arte

3 pensieri su “Riviera d’arte

  • Luglio 12, 2016 alle 4:40 pm
    Permalink

    Si poteva fare a meno della “sviolinata” sulla Mussolini e anche del “selfie” . Non interessa a nessuno!

    Rispondi
  • Luglio 12, 2016 alle 7:08 pm
    Permalink

    Secondo il mio ricordo il bar più vecchio è il bar Barbanti. Il Riviera è stato aperto alcuni decenni più tardi. Io sono nato alla quarta traversa nella villa che poi diventò villa Savoia che oggi hanno demolito. Ciao

    Sergio

    Rispondi
  • Luglio 26, 2016 alle 7:08 am
    Permalink

    Il bar con apertura annuale più vecchio di Milano Marittima era il bar “del Cacciatore” alla 17 a traversa aperto e gestito (tutt’ora dagli eredi) dalla Famiglia Petrini. Poi arrivarono il “Barbanti” , il “Centrale” (attuale Harley), il “Granbar” sotto il grattacielo a mare e di seguito molti altri prevalentemente estivi. Franco Benvenuti.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *