Milano Marittima mitra e tagliatelle

hotel casa major

Scopriamo i nomi e le storie dei personaggi di cronaca nera che hanno avuto un legame diretto con Milano Marittima.

milano marittima mitra e tagliatelle

ANNAMARIA MONETA CAGLIO

A guardarla in foto, sugli scogli del mio Canalino di Milano Marittima, sembra più la famosa sirenetta di Copenaghen, che colei che fu detta Il Cigno Nero, alias la famosa contessa Annamaria Moneta Caglio, sedicente discendente di Giulio Cesare, certamente col nonno scienziato e primo italiano premio Nobel. Recentemente aveva venduto la villa di famiglia con 6 mila metri quadrati di parco, ma un tempo veniva a Milano Marittima come tanti blasonati.

Annamaria Moneta Caglio

Annamaria Moneta Caglio a Milano Marittima

Protagonista del famoso caso Montesi, il primo scandalo sessuale a coinvolgere politici (era il 1953), la contessa aveva preferito cambiare costa e cambiare mare. Altro che la canzone del cervese Piero Focaccia, i cui parenti, dopo essere stati domestici dei conti Passerini di Firenze nella loro villa di Milano Marittima, avevano aperto una pensione all’Ottava Traversa; mia madre ricorda bene la cugina di Piero, sua coetanea poi sposata al nord. Si trattava di una di quelle pensioni-ristorante allora in voga.

CESARE CASELLA

La famiglia successiva alla gestione della pensione all’Ottava Traversa, Anna Sirri e Andrea Zanetti, ebbero fra i clienti fedeli i familiari di Cesare Casella, protagonista del famoso sequestro del 1988, che mise fine alla cosiddetta industria dei sequestri e che comunque fu il primo a vedere l’impegno attivo di una madre.

milano marittima

Cesare Casella

MIRKO PANATTONI

Ma Milano Marittima, e la stessa traversa, hanno visto e continuano a vedere la famiglia di un altro famoso sequestro, il sequestro del piccolo Mirko Panattoni del 1973. La famiglia che gestisce a Bergamo il noto ristorante Il Pianone è da generazioni affezionata all’Ottava Traversa, e ormai le generazioni sono quattro, io ne ho conosciute tre. Andavano dagli amici Rossi nello scomparso hotel Pic Nic e adesso in un hotel poco distante che fu uno dei primi di Milano Marittima per la cucina. Mi ricordo che la vecchia cuoca, Irma Sedioli, usava sempre quel famoso Sale di Cervia (essendo il marito ed il figlio tabaccai) che allora nessuno aveva in pregio come oggi, manco fosse chissà che, ma sappiamo i poteri del marketing. Il caso Panattoni fu il primo caso di bambino rapito.

milano marittima

Mirko Panattoni

LUCIANO LUTRING, IL SOLISTA DEL MITRA

Un’altra pensione storica, oggi scomparsa, che vantava una cucina da ristorante di grande blasone, era la Lucciola della famiglia Villa, accanto al tutt’ora storico Bar Riviera. Ci feci fra l’altro pure il pranzo della Cresima nel 1986. Il titolare era il mio dirigente della squadra di pallavolo e avevano abitato anche nel mio stesso palazzo. Ebbero come cliente milanese, che apprezzava molto Milano Marittima, Luciano Lutring detto Il Solista del Mitra, dichiarato in Italia e Francia, nemico pubblico numero uno. 500 rapine all’attivo e una storia rocambolesca, compresa l’amicizia epistolare con Pertini. Il prototipo di tanti sburoni dalla carriera nera che poi hanno iniziato, specie negli ultimi anni, a venire a fare i fenomeni nella Milano Marittima vetrina e non più signora.

Luciano Lutring, il solita del mitra

Luciano Lutring, il solita del mitra

GIOVAN BATTISTA GIUFFRÈ

Assolutamente da ricordare è Giovan Battista Giuffrè, il protagonista di truffe finanziarie di fine anni ’50, che fece perdere ai frati francescani somme enormi da renderli davvero dei poveracci senza la regola del santo di Assisi. Vittima anche il nostro parroco Geremia Ronconi, quello che mi ha battezzato quando ricevere i sacramenti a Milano Marittima era ancora un rito di fede non un rito di moda.

milano marittima

Giovan Battista Giuffrè

Proprio la perdita di somme ingenti, fece si che la Stella Maris non avesse il campanile, e tanto altro del grandioso progetto originale. Le storielle fiorite dopo sono tutte cazzate. Fra l’altro ho visto in esclusiva non pochi documenti dell’archivio parrocchiale, su questo periodo e non solo…

Il Conte Ottavio Ausiello Mazzi