Un cognome da Milano Marittima, anzi due

hotel casa major

Famiglie autenticamente nobili con il doppio cognome, o solo uno, a Milano Marittima erano presenti in tutte le categorie.

“Ma voi di Milano Marittima avete tutti due cognomi?” mi disse un po’ perplessa e un po’ divertita una signora presente ad una reunion della vecchia élite al Bar Riviera. Una battuta che mi è tornata in mente giorni fa quando la corte costituzionale ha dato il via libera al secondo cognome materno. Scelta epocale e riflesso di un’epoca di Milano Marittima che aveva non poche  famiglie dal cognome doppio, se non triplo o più, come per esempio il mio amico fraterno conte Guido Farneti Merenda Salecchi di Forlì. È l’immaginario collettivo a creare, dal basso, certe leggende metropolitane.

Ecco che il contadinotto del forese, dopo essersi inventato che ci sono vestiti da Milano Marittima o cani da Milano Marittima, potrà dire che ci sono pure cognomi da Milano Marittima. Del resto questa ennesima boiata nel cervello di molti, quasi una logica consequenziale. Per non dire di chi il secondo cognome non lo aveva ma lo ostentava a parole per non sentirsi inferiore ad altre persone del suo giro di frequentazioni e si faceva finta di credere a questa bugia degna delle manie di Totò.

Prendi la seconda casa a Milano Marittima e diventi un signore. Prendi un secondo cognome e diventi un nobile. Come se, per esempio, i miei parenti Casadei Turroni Monti, nobili di Bertinoro dal 1202, solo per avere tre casati, fossero più importanti di un principe Colonna o Borghese. Come se si potesse avere anche due cognomi ma senza alle spalle nessun blasone, come per famiglie storiche dell’élite di Milano Marittima fra le quali i miei cari amici Quadalti Senzani, grandi industriali di Faenza, o i miei vicini, come la dolce signora Ada Serena Monghini, grandi possidenti di Ravenna.

cognome

L’hotel Ridolfi a Milano Marittima

Le mie amiche di infanzia, Laura Sbaraglia Ridolfi, dell’hotel Ridolfi, e Laura Fiammenghi Flamigni, del ristorante Sorrento, non erano nobili in nessun cognome.

cognome

Famiglie autenticamente nobili con due cognomi o solo uno a Milano Marittima erano presenti in tutte le categorie, si va da albergatori come i Zanotti Cavazzoni di Villa Igea ed i Rasponi dell’hotel Giglio, dai Ricci Maccarini della sanitaria di viale Gramsci, alla signora Ricci Bartoloni della boutique Bibi, come gli Ausiello Mazzi della storica boutique La Tartana, per passare a fotografi come gli Apperti di Foto Lux e Studio Weber, finendo col nobile Aldo Spallicci pediatra in viale Ravenna.

cognome

LE FAMIGLIE DI MILANO MARITTIMA CON IL DOPPIO COGNOME

Tempo fa ho buttato giù una lista sommaria delle famiglie bi-cognominate legate a Milano Marittima a vario titolo:
Perucca Orfei
Bartolini Salimbeni
Antolini Ossi
Travaglini Diotallevi
Ricci Maccarini
Ricci Bartoloni
Ricci Signorini
Rivani Farolfi
Dall Aste Brandolini
Guidelli Guidi
Drei Dona’
Ginanni Fantuzzi
Ausiello Mazzi
Zanotti Cavazzoni
Paulucci Ginnasi
Rinaldi Ceroni
Serena Monghini
Merlini Paladini
Bargagli Petrucci
Giuliani Ricci
Quadalti Senzani
Annibali Giulianini
Fiammenghi Flamigni
Sbaraglia Ridolfi

Proprio dagli albori di Milano Marittima, fu un architetto di grande prestigio e doppio cognome, il Vietti Violi, che firmò nel 1931 per la località un progetto stupendo e multi funzionale che l’avrebbe portata ai primi posti a livello internazionale.

Il Conte Ottavio Ausiello Mazzi