Deturpata la storica duna della Varese

hotel casa major

E’ di questi giorni la notizia che alcuni mezzi cingolati hanno deturpato, più o meno consapevolmente, la storica duna della Colonia Varese. Vogliamo condividere con voi il punto di vista de La Voce Romagnola che Lunedì 19 Agosto ha pubblicato l’articolo riportato qui sotto dove spiega l’importanza di quella famosa duna e i vincoli ai quali è sottoposta.

“LA ZONA “SPECIALE”

In un’area in cui sono stati stabiliti dei vincoli con lo scopo di mantenere e tutelare quella zona dal punto di vista naturale, ambientale e conseguentemente progettuale, sembra siano stati clamorosamente disattesi contraddicendo di fatto gli obbiettivi per i quali era stata sottoposta a “speciale conservazione”. L’area in questione è l’arenile (circa 300×100 metri) di fronte all’ex Colonia Varese di Milano Marittima, unica spiaggia del Comune di Cervia a conservare ancora le dune di sabbia. L’ex colonia Varese, progettata da Mario Loreti nel 1937 è un stata dichiarata da tempo “Zona Speciale di Conservazione”, incluso anche parco ed arenile fino al bagnasciuga. Quindi una zona sottoposta a vincoli.

deturpata la storica duna della Varese

La storica duna della Colonia Varese a Milano Marittima

La ZSC è un sito di importanza comunitaria che viene adottato dal Ministero dell’Ambiente ed è destinato all’applicazione su di esso di misure di conservazione necessarie al mantenimento o al ripristino degli habitat naturali e delle popolazioni delle specie per cui il sito è stato designato dalla Commissione europea. L’intera pineta di Cervia è sottoposta a questo vincolo e questo minuscolo lembo di terra che si affaccia sul mare è l’ultimo arenile cervese destinato alla conservazione del suo patrimonio naturalistico balneare. Dei 13-14 chilometri di costa completamente urbanizzata ed arenili occupati da attività turistico balneari, questi 300 metri di dune e spiaggia rappresentano l’unica realtà di come era originariamente la costa romagnola prima dell’avvento del turismo. Nonostante questi vincoli in primavera parte delle dune e della spiaggia sono state ruspate in barba ai più elementari dettami di conservazione naturale. Ruspa per conservare è un ossimoro. Infatti nelle zone destinate ad una speciale conservazione è necessario che tutti i piani o progetti che possano avere incidenze significative sui siti (ossia che non rispettano le “misure di conservazione” dei siti stessi) e che non siano non direttamente connessi e necessari alla loro gestione devono essere assoggettati alla procedura di valutazione di incidenza ambientale. Ma le immagini mostrano che una parte di quell’arenile è in concessione per servizi spiaggia (lettini e ombrelloni) ed un altro per attività imbarcazioni. Tutto legittimo ma surreale dal punto di vista delle necessarie valutazioni ritenute compatibili dal punto di vista ambientale. Dove sia poi la diretta connessione nonché l’obbligatoria necessità alla gestione di tale “speciale” conservazione riguardo quelle due attività, è oggettivamente un mistero.

Deturpata la storica duna della Varese

La duna vista dalla spiaggia. Foto annewild.de

Ma l’aver determinato tale compatibilità con i vincoli di una ZSC, apre di fatto la possibilità che anche il resto di quell’arenile possa godere in futuro della stessa possibilità turistico balneare o per lo meno con egual impatto e questo potrà logicamente valere anche per l’intera pineta di Cervia. Speriamo che la falla non si allarghi anche se contraddizioni del genere non sono una sorpresa in Romagna nella politica amministrativa di tutela di zone protette, ad esempio la possibilità di andare a caccia nella “tutelata” Pineta di Lido di Classe ha dell’incredibile. Poi è sintomatica la gestione dei rifiuti sulla Traversa XXII, con l’abbandono di inerti edili ma anche parti di imbarcazioni in vetro resina. La prova di come vengono conferiti i rifiuti e come sono considerate da chi se ne serve le aree adibite alla raccolta, completano un quadro che in quella zona, sembra non aver nulla di “speciale”.