Estate di San Martino

hotel casa major

Nel mese di Novembre, qui in Romagna, da secoli arriva la cosiddetta Estate di San Martino.

Si dice che una volta, quando ancora non c’erano i camion e trattori con rimorchi, ma solo carri trainati da buoi o cavalli, i contadini che dovevano traslocare aspettassero proprio questi giorni, l’Estate di San Martino, sicuri di non andare incontro a intemperie e arrivare con il loro carico intatto e asciutto. Una volta questi traslochi potevano essere anche molto lunghi, poiché il contadino si trasferiva in un territorio più fertile, anche a chilometri di distanza.

Estate di San Martino

In spiaggia col bestiame

Anche qui a Cervia, dove c’è un terreno molto fertile, ne sono arrivati tanti di contadini, specialmente nei dintorni, dove c’era tanta terra incolta e in vendita a poco prezzo.

In ogni paesino, specialmente nel cesenate, era festa grande, con giostre, autoscontro e soprattutto tante bancarelle di dolciumi, giocattoli, teatrini di burattini e un importante mercato ornitologico, quando era ancora permesso cacciare con richiami vivi. Vi si potevano trovare, cardellini, fringuelli, verdoni, storni, tordi, merli e tanti altri. Tutte razze adesso protette o delle quali è vietata la cattura con reti, quindi, ad alcuni di questi puoi sparare e ucciderli ma non puoi catturarli vivi.

Anche questa tradizione è scomparsa da noi, è rimasta solo a Sant’Arcangelo di Romagna ed è chiamata la Festa dei Becchi, ovvero dei cornuti, tanto per capirci bene.

estate di san martino

Festa dei Becchi, Santarcangelo di Romagna

Anche qui tantissimi giochi per i più piccoli e un’infinità di bancarelle, un mercato vero e proprio per tutti i gusti. Il paese è sempre gremitissimo di gente che arriva da tutta la Romagna e non solo. All’entrata c’è un arco in cui troneggiano, da sempre in quei giorni, due enormi corna di bue. La festa dura quattro giorni ed è molto sentita in tutta la Romagna.

Che ci siano veramente i becchi e i cornuti alla festa? chi lo sa!

Paolo Maraldi