Movida, vandali e baby gang, si riparte!

hotel casa major

La stagione è appena cominciata e già la movida lascia intendere che ci aspetta un’estate tutt’altro che facile.

Dopo una notte fra venerdì e sabato, ovviamente insonne per gli schiamazzi della movida di rientro fino alle 7 di mattina e il siparietto che meritava di essere filmato di un rapporto sessuale sulla panchina sotto la mia finestra ma soprattutto sul principalissimo Viale Matteotti (erano talmente fatti che poi lei ha dimenticato sulla panchina il reggiseno), mi ritrovo ancora a chiedermi in che luogo vivo ormai da mezzo secolo. La vera mutazione genetica, soprattutto del turismo o sedicente tale.

Vandali, baby gang e movida, si riparte!

Il souvenir ritrovato dal Conte

GIÀ ACCADUTI I PRIMI EPISODI DI MALA MOVIDA

La sera, invitato ad un evento elegante al Mare Pineta da amici marchesi di illustre dinastia della vecchia élite di Milano Marittima, trovo sul Carlino due articoli che mi riportano alla realtà della nuova Milano Marittima.

baby gang

Uno parla della rapina e aggressione subita da un ragazzo da parte di una gang (qui l’articolo), episodio che “fa riesplodere il caso della mala movida di Milano Marittima” (testuali parole) mentre l’altro articolo da conto del fatto che, dopo Riccione, Milano Marittima è la località più cara per godersi 14 giorni di ombrellone e due lettini al mare, perché, come ci tiene a dire il bagnino intervistato, a parte i servizi dati “siamo Milano Marittima!”

prezzi ombrelloni milano marittima

la classifica

Appunto, siamo a Milano Marittima, ma quella del 2022 e non quella del 1992 quando c’era ancora il turismo davvero importante, caro bagnino. Quando le notti erano normali, dolci, da finestre aperte e soprattutto senza trovare in giro orde di ubriachi attivi in atti sessuali o vandalici, o addirittura stesi per le strade dal pieno di alcol… Il che proprio glamour e fashion non mi pare…

Vandali, baby gang e movida, si riparte!

Ritrovamenti della mattina

La mamma del ragazzo vittima della gang sopracitata parla sui social di una Milano Marittima ormai invivibile, ma evidentemente, come tutti, lo sa da vent’anni e finora ha chiuso occhi ed orecchie, finché non è capitato a lei, ed allora apriti cielo. Quando noi residenti e vecchi habitué abbiamo iniziato 20 anni fa a lamentarci delle prime avvisaglie ci hanno detto di tutto, dagli stronzi classisti a gente che non capiva niente delle nuove frontiere del turismo. Addirittura ci hanno spesso invitato ad andare via se non ci stava più bene l’andazzo.

Vandali, baby gang e movida, si riparte!

VANDALI IN AZIONE

Sono rimasto malissimo il 28 maggio vedendo e fotografando in Viale Gramsci il vandalismo alla targa della storica villa Gardini del mio amico Giovanni. Foto e notizia poi ripresa dal Corriere e dal Rotary locale. Sono rimasto male vedendo il vandalismo alla statua del Centenario di Milano Marittima, sempre in viale Gramsci, ed i vetri rotti nella vetrina della boutique Niagara o del residence Bologna che sta facendo tutto nuovo il palazzo e se lo vede già vandalizzato prima ancora di fine lavori.

Vandali, baby gang e movida, si riparte!

Ed ecco che ieri, 5 giugno, vado al bar a scrivere questo articolo e ne trovo uno del Carlino con i bagnini un bel po’ incazzati, leggo testualmente “Dall’anno scorso c’è stata una escalation incredibile, negli ultimi anni sempre più spesso i titolari degli stabilimenti balneari hanno denunciato un aumento di vandalismi e furti notturni”. Addirittura rubano le biciclette dei clienti in pieno giorno, anche legate, e addirittura “Ci portano via pure dolci e gelati”. Che dire, un ambientino niente male, altro che Milano Marittima zona di vip e di locali (cfr Carlino 4 giugno 2022).

MILANO MARITTIMA A BUON MERCATO

Da 20 anni Milano Marittima è un baraccone a buon mercato, anzi buonissimo, e se fosse davvero cara come dicono allora il 90% della gente che ci viene non sarebbe qui in vacanza, perché il prezzo fa la selezione e la clientela, e aiuta pure a tener lontana certa roba che invece si accomoda nelle situazioni di degrado.

Come sempre, un grande grazie ai nostri Carabinieri di Milano Marittima, che per fortuna sono ancora qui e soprattutto sempre vicino a noi cittadini nei momenti del bisogno.

Il Conte Ottavio Ausiello Mazzi