Ripascimento della costa a Milano Marittima

hotel casa major

Saranno apportati e stesi 170.000 metri cubi di sabbia tra la XXVI e la X Traversa.

Dal 15 al 25 Marzo, condizioni metereologiche e meteo marine permettendo, verranno apportati e stesi circa 170.000 metri cubi di sabbia per il ripascimento della costa a Milano Marittima tra la XXVI Traversa fino alla X Traversa, per un totale di 1,4 chilometri.

Ripascimento della costa a Milano Marittima

Il tratto interessato dal ripascimento

PERCHÈ IL RIPASCIMENTO DELLA SPIAGGIA DI MILANO MARITTIMA?

L’intervento è necessario poiché a Milano Marittima, soprattutto nel suddetto tratto, la spiaggia tende a ridursi e il problema è visibile persino ad occhio nudo: si passa da un’ampiezza media di 120/130 metri all’altezza del Porto di Cervia, fino ad arrivare 50/60 metri all’altezza del canale di Via Cupa (XXVI Traversa).

IL PROGETTO CONTRO L’EROSIONE COSTIERA

Con il progetto “Messa in sicurezza di tratti critici del litorale nelle province di Rimini, Forlì-Cesena e Ravenna con sabbie sottomarine da aree off-shore” (Progettone 4), si prevede la realizzazione di interventi di ripascimento su tratti di litorale marino in erosione, in diversi Comuni costieri della Romagna (province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini), mediante l’impiego di sabbie prelevate da giacimenti sottomarini posti a una profondità di circa 45 metri ad una distanza di 30 miglia nautiche dalla costa.

L’intervento si occupa della messa in sicurezza di tratti costieri particolarmente critici, per un’estensione complessiva di circa 10,8 km di litorale interessato da erosione, subsidenza e rischio di ingressione marina.

Gli interventi, fra quello del ripascimento della costa a Milano Marittima, sono finanziati dalla Regione Emilia-Romagna per un importo complessivo pari a € 22.920.500,00

Il progetto rappresenta la quarta “edizione” di interventi di ripascimento dei litorali in erosione mediante utilizzo di sabbie provenienti da giacimenti off-shore realizzati dalla Regione Emilia-Romagna a partire dal 2002 (Progettone 1), ripetuti nel 2007 (Progettone 2) e 2016 (Progettone 3).

L’assessore ai Lavori Pubblici Enrico Mazzolani ha dichiarato: “Ringraziamo la Regione Emilia-Romagna e in particolare l’Assessore Irene Priolo per la grande attenzione ai temi della difesa della costa che per noi significano anche difesa della nostra economia turistica”.

Continua Mazzolani: “Siamo particolarmente grati per la tempistica dell’intervento che ci permetterà d’essere pronti per Pasqua. La difesa costiera è un elemento fondamentale per le nostre realtà e assume un duplice scopo: protezione delle persone e delle infrastrutture dai fenomeni meteo marini, e risorsa fondamentale per l’economia turistica”.