Future Colonie (Seconda Parte)

hotel casa major

In questa seconda parte di Future Colonie il Conte fa notare come tutti i progetti legati a Milano Marittima finiscano sempre e solo in appartamenti.

Continua da: Future Colonie (Prima Parte)

Con buona pace dei proprietari di castelli, anche storici, come per esempio mio cugino il marchese Ligresti Tenerelli a Colloredo, un grande articolo del Sole 24 Ore del 9 Gennaio 2010 notava che i nuovi ricchi snobbano ormai le dimore di lusso storiche per nuovi attici ed appartamenti e l’esame comprendeva la notizia che l’asta dell’agenzia del Demanio, che nel 2009 si chiuse con l’offerta più alta in assoluto, riguardava un lotto di 2.950mq proprio a Milano Marittima, dove c’era un acquascivolo e dove erano consentiti interventi di nuova costruzione, anche residenziale.

Future Colonie (Seconda Parte)

La Colonia Montecatini interessata dal progetto Città delle Colonie

Aggiudicato con un rialzo del 32%, il bene situato sul lungomare di Milano Marittima era occupato fino al 31 ottobre 2010 e poi… e poi oggi 2021 stanno finendo di costruire le palazzine. Non più anche residenziale, ma solo residenziale. Come avviene ormai di regola a Milano Marittima da tanto tempo. Ci hanno fatto balenare tanti progetti per Milano Marittima, ma poi si finiva e si finisce sempre solo nel fare appartamenti. Ecco un altro motivo per cui il piano colonie a Milano Marittima non è mai decollato. Se non si finisce in appartamenti non interessa.

IL PIANO UNITARIO DELLA CITTÀ DELLE COLONIE

Già nella prima parte vi ho ampiamente spiegato quanti personaggi importanti volevano investire nelle colonie di Milano marittima negli anni ’80. Sempre il Sole 24 Ore del 18 Gennaio 2012 accennava alla vendita della Colonia Varese per aiutare le casse della regione e anche “Cervia il giornale della città” dell’Aprile 2013, dando conto del Piano Unitario della Città delle Colonie, scriveva che ben 25 colonie su 33 della zona, da Milano Marittima a Tagliata, erano interessate al progetto di rinnovamento.

Scriveva testualmente “Il fatto che nonostante il periodo di difficoltà economica ci sia interesse da parte dei privati proprietari delle aree inserite nel Piano della Città delle Colonie a formulare proposte, consente ragionevolmente di presumere che si possa intervenire entro breve alla riqualificazione delle aree”. Sono passati quasi 10 anni, non si è visto nulla. Solo una mostra ai Magazzini del Sale fatta di progetti bellissimi, in alcuni casi, e soprattutto per Pinarella.

Il piano Per la Città delle Colonie era stato approvato dal Comune il 16 Settembre 2008 ed in tale ambito era prevista la cessione del 25% di ogni superficie territoriale interessata al Comune per essere destinata ad uso pubblico. Due o più piani urbanistici approvati, uno dei quali per la Colonia Balducci in Viale Matteotti e poi… e poi niente. Sono state invece fior di aree pubbliche ad essere cedute dal Comune per farci appartamenti privati, cioè è stato fatto il contrario.

Basta l’esempio dei vari lotti di pineta, tanta pineta, fra Matteotti e Due giugno fra la 14a traversa e la 16a traversa, tutti cementificati, tranne uno tuttora in vendita ma col prezzo che viene continuamente ribassato ad ogni proposta così che andrà via finalmente per una penna ed una cannetta…

LA PROPOSTA DEL CONTE

E dire che io proposi per esempio una cosa utile e fattibilissima, convertire la Colonia Montecatini in Centro Congressi di Milano Marittima, ma mi risero in faccia durante la riunione. Un personaggio altolocato mi disse pure che io di queste cose non capivo nulla.

Per fortuna che ne capiva lui e soci e infatti vediamo come siamo ancora messi nel 2021, dopo oltre 15 anni dai fatti…

Il Conte Ottavio Ausiello-Mazzi

 

Se sei un fan del nostro Conte, leggi tutti i suoi articoli qui